Windows 10 è regredito rispetto a Windows 7

Già l’avevo detto. Lo ripeto. Perché sono successe cose che lo mostrano ancor più chiaramente.

Inserisco chiavetta USB funzionante: “Hardware non riconosciuto, toglila e rimettila immediatemente se non vuoi scatenare le ire degli dèi”. Ehm, ok, su questo pc con 7 non era mai successo.

Obbedisco.

“Configurazione hardware”, continua a fare qualcosa ma non si sa cosa, perché nel mentre che configura questo hardware così assurdo e sconosciuto (…) ha riconosciuto la chiavetta in due secondi e l’ha resa disponibile su Risorse del Computer.

“RIlevati errori. Clicca qui. Ora.”

Si apre la finestra che su 7 in queste circostanze si apriva subito, quella che dice “Rilevati errori. Ripara. Ora.” e permette di fare un chkdsk.

Facciamo “ripara”, va’, un chkdsk non si nega mai a nessuno, tanto ci mette 10 secondi a dir tanto.

Fa un chkdsk come avrebbe fatto Windows 7? No! Immediatamente apre una nuova finestra, “Gravi errori rilevati, morte imminente, l’armageddon è prossimo, si salvi chi può: clicca qui per RIPRISTINARE (formattare?) la chiavetta”.

Chiudo disgustato la finestra e procedo a usare la chiavetta come se nulla fosse.

L’apocalisse non è ancora giunta, ci sono volute tre finestre ridondanti per fare peggio quello che 7 faceva con una sola finestra, proporre all’utente di formattare per risolvere un non-problema è uno dei suggerimenti più stupidi che abbia mai sentito e lo so che a volte è la cosa più veloce, ma non c’era alcun problema. Sempre che “ripristinare” volesse dire “formattare”, ma anche se così non fosse: una finestra che permette di fare un chkdsk era troppo banale? Ce ne vogliono tre che danno una scelta futile perché poi ingiungono il ripristino, anche se si può chiudere la finestra e non fare nulla?

Windows 10 sembra sempre più un’accozzaglia di immondizia incoerente tenuta insieme con lo sputo. Da un lato il progresso, da un lato il regresso, da un lato i cambiamenti fini a sé stessi e dall’altro pezzi di tutti i vecchi Windows che riaffiorano. Da un lato le interfacce dignitosamente progettate e realizzate di 7, dall’altro la banalizzazione illogica di 8, tutto impilato in maniera apparentemente casuale.

Se la direzione è quella della banalizzazione demenziale, io salto giù da questo treno lanciato in folle corsa verso l’idiozia prima che sia troppo tardi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...