Installare VirtualBox Guest Additions su Debian

Ho dovuto leggere 7 guide scritte da gente a caso per avere anche solo una minima idea di cosa fare, e nessuna era in grado di enunciare i passaggi senza demenziali reticenze. Tra l’altro la procedura è cambiata di “recente” perché le guide del 2011 dicono di fare tutt’altro e non funziona.

Per installare le additions su una macchina virtuale con Debian bisogna quindi dare i seguenti comandi da accettare con fede incondizionata:

  1. Diventare root con su, o anteporre sudo a tutti i comandi.
  2. apt-get update && apt-get upgrade, anche se è consigliabile usare aptitude per gestire i pacchetti.
  3. apt-get install dkms build-essential module-assistant, non so cosa sia dkms, non so a cosa serva, non sono sicuro che serva, nel dubbio l’ho installato. Alcune guide dicono di installare solo quello: non basta, ci vuole anche il resto. La wiki di Arch dice che serve per i kernel custom, ma su Debian non ne ho idea.
  4. m-a prepare
  5. Inserire il CD virtuale delle VirtualBox Additions (Dispositivi > Inserisci l’immagine bla bla bla). Nei repo c’è anche il pacchetto virtualbox-guest-additions-iso, ma le guide dicono tutte di usare la iso annessa a VirtualBox.
  6. Per cause inconoscibili non si possono eseguire i file che stanno sul CD, quindi copiare tutto da qualche parte:
    mkdir /root/vb
    cp -r /media/cdrom0/ /root/vb/

    Il CD sta in /media probabilmente perché qualcosa del desktop environment l’ha montato lì. Senza desktop environment non so dove stia.
  7. Rimuovere il CD e ammirare i bellissimi file .sh che tutti dicono che non funzionano!
  8. /root/vb/VBoxLinuxAdditions.run, pregare che vada. Se non va sputa fuori errori e poi dice “Tutto completato con successo”, quindi tenerlo d’occhio.
  9. Controllare che i servizi systemd di VirtualBox siano abilitati (probabilmente lo sono, su Debian nel 99% dei casi è tutto abilitato di default, ma non è 100%…): capire quali sono con systemctl list-units *vbox*, controllare se sono abilitati con systemctl is-enabled vboxadd e simili.
  10. Probabilmente è il caso di riavviare.

Dopodiché, confrontare con l’equivalente procedura su Arch:

pacman -S virtualbox-guest-utils
systemctl enable vboxservice

Per la serie “Arch è difficile”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...